VIVA, the new CAMAL’s concept

VIVA is the CAMAL® vision of sustainable luxury, a unique above every classification

04-CAMAL-VIVA

VIVA born to offer exclusivity to an increasingly growing demand from special clients, finding its position above today’s standards for a vehicle and approaching the ideal of luxury used on the nautical and architectural fields.

The style of VIVA is born as an expression of pure form. Basic geometries transform and intersect themselves in a rational movement, interrupted by an asymmetrical cover with a complex craftsmanship. Order and movement combine volumes, colors and materials that brought to life by the reflecting light. The true luxury becomes time, a value that cannot be measured economically and that lives through styles and costumes.

The size of VIVA is diffucult to compare to conventional vehicles with 7m of lenght, a width of 2,5m and 2m height without considering the horses. Comparable to a limousine, its elliptical central body has a comfortable space for 4 occupants in “vis a vis“ configuration, a living room where you can spend your time with discretion and with all the comforts. The two side runners that support the central capsule are precisely hand-worked with deco motifs and frame in the front position two indipendent, electrical wheels while in the rear they point out the spherical GOODYEAR® wheel ensuring an optimal setting reguarding stability and driving comfort.The front of the vehicle wants to recall the dawn of cars, two plexiglass illuminated in the contours frame make a conceptual grille, opening in width when switching from carriage to autonomous vehicle.VIVA is born as an assisted carriage, a concept which is new but at he same time as old as the vehicle’s birth.

Horses act as a traction in carriage mode recharging the litium batteries. In case of effort or fatigue due to the changing ground, horses are assisted by the electric motors in order to reduce the impact on the traction.

In this mode, as in the previous one, horses don’t act as an ornament but as a real support for the self-driving of the carriage, guided by the animal intelligence like once in former times creating a simbiosis with men. The third stage of the vehicle involves the detachment of the horses in special equipped parking areas, transforming the carriage into a totally electric autonomous vehicle.

VIVA doesn’t want to be the car of tomorrow but the status of the future luxury, for this reason its not meant to become a design icon but wants to show a possible future where elegance and luxury can coexist with concepts of sustainable mobility, respecting and enhancing the environment and the elements that surround men.

You can find more pictures of EDIT at this link:  VIVA – Pictures


 

 You can find more information about CAMAL Studio at : www.camalstudio.com

Indirizzi utili:

CAMAL S.r.l., Via Asti 40, 10131 Turin (Italy)

Tel: +39 011 19719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

###

VIVA, il nuovo progetto del centro stile CAMAL®

Si chiama VIVA la visione di CAMAL® rivolta al lusso sostenibile, oggetto unico al di sopra di ogni classificazione.

07-CAMAL-VIVA

VIVA nasce dall’esigenza di offrire esclusività ad un tipo di clientela sempre più esigente, trovando la sua collocazione al di sopra degli standard odierni per un veicolo e avvicinandosi all’ideale di lusso e fruibilità tipici del mondo nautico ed architettonico.

Lo stile di VIVA nasce come espressione della forma pura, geometrie base che si trasformano e si intersecano in un movimento razionale, interrotto dalla copertura asimmetrica e dalle complesse lavorazioni artigianali. Ordine e movimento uniscono volumi, colori e materiali che “vivono” grazie alla luce riflessa. Il vero lusso diventa il tempo, un valore che non ha riferimento economico a prescindere da stili e costumi. VIVA riprende la forza del “concetto” trovando nelle proprie forme e nei propri trattamenti un’identità senza preclusioni temporali. L’eleganza è un valore difficile da ottenere, un retaggio di nascita da conservare.

Le dimensioni di VIVA sono difficili da paragonare ad un veicolo convenzionale, 7mt di lunghezza per 2,5 mt di larghezza e 2 di altezza, senza considerare i cavalli. Paragonabile ad una limousine, il corpo centrale ellittico gestisce al suo interno uno spazio comodo per 4 occupanti, in impostazione “vis a vis”, un salotto dove trascorrere il tempo di viaggio con discrezione e accompagnati da tutte le comodità integrabili in un veicolo.

I due longaroni laterali, a supporto della capsula centrale, sono finemente lavorati a mano con motivi floreali e incastonano nella prossimità anteriore 2 moto ruote indipendenti ad alimentazione elettrica; mentre nella zona posteriore mettono in mostra una ruota sferica a chiusura di un triangolo di appoggio sul terreno, impostazione ottimale in termini di stabilità e confort di guida.

L’anteriore del veicolo vuole richiamare l’albore delle vetture, due plexiglass illuminati nei contorni incorniciano una calandra concettuale, aprendosi in larghezza in impostazione stradale quando si passa da carrozza a veicolo autonomo. La copertura infine rappresenta l’anima del progetto, realizzata in forma asimmetrica e arricchita con trattamento in foglia d’oro è lavorata a mano per realizzare una deformazione e un’increspatura al tatto non costante e non ripetibile. Segno di unicità, riconducibile più ad un opera d’arte piuttosto che a componente strutturale di un veicolo.

VIVA nasce come carrozza assistita, un concetto nuovo ma allo stesso tempo antico quanto la nascita dei veicoli. I cavalli fungono da trazione in modalità carrozza, ricaricando le batterie al litio. In caso di sforzo o fatica dovuti al terreno mutevole gli stessi cavalli vengono assistiti dai motori elettrici che ne riducono l’incidenza di sforzo sulla trazione. In questa modalità, come nella precedente, i cavalli non fungono da ornamento ma da vero supporto per il self-driving della carrozza, condotta dall’intelligenza animale come fu fin da tempi antichi in simbiosi con l’uomo.

Il terzo stadio del veicolo prevede il distaccamento dei cavalli in apposite aree di sosta attrezzate, trasformandolo di fatto in un veicolo a guida autonoma, totalmente a trazione elettrica.

Si è pensato ad un suo duplice utilizzo in contesto urbano , nei primi due casi, e extraurbano per la percorrenza di lunghe distanze nel terzo.

Gli interni, confortevoli e lussuosi, avranno il compito di annullare il tempo trascorso… Ma per maggiori dettagli rimandiamo ad una successiva fase del progetto ogni spiegazione.

VIVA non vuole essere l’auto di domani ma lo status del lusso futuro, quindi come tale non aspira a divenire icona di design ma vuole mostrare un possibile futuro in cui l’eleganza e il lusso possono convivere con concetti di mobilità sostenibile, rispettando e valorizzando l’ambiente e gli elementi che circondano l’uomo.

Potrete trovare altre immagini di EDIT al seguente link:  VIVA – Immagini


 

Potrete trovare maggiori informazioni sullo studio CAMAL su: www.camalstudio.com

Indirizzi utili:

CAMAL S.r.l., Via Asti 40, 10131 Torino (Italia)

Tel: +39 011 19719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

###

EDIT, the CAMAL’s vision for tomorrow’s cars

EDIT, the latest project by the CAMAL® team, designed for the Californian car maker OSVehicle, is a unique interpretation of tomorrow’s transportation — Italian styled and sustainably produced.

170508-EDIT-Render-Ambientati-12

The EDIT project was born when the client, OSVehicle commissioned the design of a “body” for its modular frame. The Italian owned startup, with headquarter in Palo Alto (Silicon Valley), has been working for several years to engineer and build a modular platform for electric motor vehicles called TABBY EVO. This platform — sold in assembly kit, or pre-assembled and simply modular —  is a real Open Source Vehicle, from which the company derives its name. CAMAL’s team has understood the needs of the customer, approaching the project from a “Software House” approach, identifying the functional and aesthetic needs of the customers of tomorrow.

The challenge was the realization of a friendly shape, easily transformable according to the needs of the customer that could help the transition towards a different layout of future autonomous driving cars.

The sculpted side body creates a dynamic look to a very simple shape. Reduced overhangs and full-body design provide a sense of safety and modernity to the object intended more as a technological product rather than a classic automobile. Neutral colors and limited gaps between the parts lead the observer to view EDIT as a contemporary object, ready for the future, made of new materials with new modes of construction.

‘EDIT’ Self-Driving Car by OSVehicle from OSVehicle on Vimeo.

 

The body is divided into 5 main parts, 4 moulds (front, rear, roof and double symmetrical door), optimizing production and decreasing costs. Another main purpose of this design, requested by the CEO of OSVehicle, Tin Hang Liu, is to be able to have more configurations  of the same vehicle both in terms of use, style, and recognizability. With this approach the current realization is optimized through a concept of almost total modularity, where replacing even one of the 4 elements above mentioned can change the appearance of the entire vehicle. With this approach it is possible for customers to aesthetically modify or restyle the product with minimal investment.

The doors opening allow an easy ingress, while the interiors can provide different settings from level 1 to 5 of autonomous driving. In a level 5 version there is a “vis a vis” seating layout with a comfortable table in the central area.

EDIT is not only a vehicle, but a blank sheet of paper where anyone can create, and EDIT his or her own project, as the name suggests. OSVehicle aims to provide their customers with the tools and building blocks to start their own company in the automotive sector, support their development every step of the way.  a computer with a basic software (borrowing from computer terminology) and allowing each buyer to make their own software (or better version) of the car.
You can find more pictures of EDIT at this link:    EDIT – pictures

———————————————————————————————————————————–

 

You can find more information about CAMAL Studio at: www.camalstudio.com

Contact information:

CAMAL S.r.l.,  – Via Asti 40, 10131  – Turin (Italy)

Phone: +39 011 19719955

Email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

 

For more information about OSVehicle please visit: www.osvehicle.com

Contact information:

OSVehicle Inc.  –  555 Bryant St. #464   Palo Alto CA 94301

Email: info@osvehicle.com

 

##

 

EDIT, l’automobile di domani secondo CAMAL®

Si chiama EDIT l’ultimo progetto del team CAMAL®, realizzato per il costruttore californiano OSVehicle, un’interpretazione al trasporto di domani attraverso lo stile italiano e la produzione sostenibile.

170508-EDIT-Render-Ambientati-16

Il progetto EDIT nasce dalla richiesta del cliente americano OSVehicle di ideare una “forma” con lo stesso approccio di modularità e versatilità del proprio telaio modulare. La startup con sede a Palo Alto (Silicon Valley) e di proprietà italiana lavora infatti da diversi anni alla realizzazione di una piattaforma per veicoli a motorizzazione elettrica 2 e 4 posti chiamata TABBY EVO, venduta in kit di montaggio, o assemblata, e facilmente modulabile a seconda del cliente, un vero e proprio Open Source Vehicle, dal quale l’azienda prende il nome.

Il team creativo di CAMAL ha compreso le esigenze del cliente, affrontando il progetto con un approccio diverso dal normale per il mondo automotive, un approccio molto più da “software house” che da costruttore di automobili, individuando i bisogni funzionali ed estetici per i clienti di domani. La sfida era la realizzazione di una forma rassicurante e allo stesso tempo facilmente mutabile a seconda delle esigenze che non subisse i segni del tempo e che potesse aiutare la transizione verso un layout e uno stile “diversi” delle future vetture a guida autonoma.

La fiancata scolpita aiuta a dare dinamismo ad una forma molto semplice nel suo complesso. Sbalzi ridotti e volumi pieni trasmettono sicurezza e modernità all’oggetto, inteso sempre più come prodotto altamente tecnologico di uso quotidiano che come automobile classica. Colori neutri e giunzioni limitate al minimo tra le parti portano l’osservatore ad accomunare EDIT ad un oggetto contemporaneo già pronto per il futuro fatto di nuovi materiali e nuove metodologie di costruzione e fruibilità dei veicoli.

‘EDIT’ Self-Driving Car by OSVehicle from OSVehicle on Vimeo.

La carrozzeria estetica è divisa in 5 parti principali, 4 stampi (anteriore, posteriore, tetto e doppia portiera simmetrica), ottimizzando il ciclo di produzione e diminuendone i costi. Un altro scopo principale di questa scelta è dettato dalle richieste del CEO di OSVehicle, Tin Hang Liu, di poter avere più interpretazioni dello stesso veicolo, sia in termini di utilizzo che in termini di stile e riconoscibilità. Con questo approccio si ottimizza la realizzazione attuale attraverso un concetto di modularità quasi totale, dove sostituendo anche solo uno dei 4 elementi sopra citati si può cambiare l’aspetto del veicolo. In ottica futura il cliente avrà così la possibilità di aggiornare l’estetica del prodotto con un investimento minimo ed un più ampio spazio di azione.

Le porte si aprono a libro permettendo una facile salita in vettura, mentre gli interni possono prevedere diverse impostazioni dal livello 1 al livello 5 di guida autonoma. Nell’ultimo caso è prevista un’impostazione “vis a vis” delle sedute ed un comodo tavolino nella zona centrale.

EDIT non è solo una vettura, ma un tela bianca su cui ognuno può realizzare il proprio progetto, così come suggerisce anche il nome. Lo scopo di OSVehicle è quello di poter dare ai potenziali clienti un computer con un software base (prendendo in prestito la terminologia informatica) e permettere ad ogni compratore di realizzare un proprio software (o meglio versione) della vettura.

Potrete trovare altre immagini di EDIT al seguente link:    EDIT – pictures


Potrete trovare maggiori informazioni sullo studio CAMAL su: www.camalstudio.com

Indirizzi utili:

CAMAL S.r.l., – Via Asti 40, 10131 Torino (Italia)

Tel: +39 011 19719955

Email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

—————————————————————————————————————————————–

Potrete trovare maggiori informazioni su OSVehicle qui: http://www.osvehicle.com

Indirizzi utili:

OSVehicle Inc. – 555 Bryant St. #464  Palo Alto CA 94301

Email: info@osvehicle.com

###

MAT SCG003S

SCG003S-Particolare volante

SCG003S è la versione stradale del modello da competizione SCG003C, realizzato da MAT (Manifattura Automobili Torino) per il brand Scuderia Cameron Glickenhaus. Il modello, presentato nel corso dell’87° Salone di Ginervra 2017, denota una serie di accorgimenti tecnici ed estetici rispetto alla precedente versione da pista necessari per l’omologazione stradale e per un maggiore confort di guida. Pensata per una produzione in serie limitata la sua costruzione artigianale non tralascia però qualità e finiture da vera supercar. Il team CAMAL ha collaborato con MAT alla realizzazione di un modello omologato su strada.

http://www.manifatturaautomobilitorino.it/

 

Maggiori informazioni sullo studio CAMAL su: http://www.camalstudio.com

Indirizzi utili: CAMAL S.r.l. Via Asti 40, 10131 Torino

Tel: 0039 01119719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

 

The future is BOLD

CAMAL® presents its vision of an electric sports motorcycle

10-CAMAL-Bold

CAMAL® Design Centre set up in 2008 by Alessandro Camorali unveils its personal interpretation of an electric
motorcycle. The young creative team have imagined a future on two wheels with new technologies resulting in a
concept which represents a new way forward in design.

The BOLD project is not just a virtual exercise but also represents the beginning of a new collaboration
between a number of “Made in Italy” partners. TACITA provides the motorcycles heart which is designed to elevate
it to a true performance platform.

The signature seat is made with  ALCANTARA®, a highly advanced material the result of a unique technology able to
guarantee outstanding aesthetic, technical and sensory performance.

The batteries and power train replace the traditional internal combustion engine used for over one hundred years
of motorcycling, enabling a renewed expression of architecture and design. The form and volumes are reduced and
weight is in direct relation to performance and is never a compromise. With these new conceptual design ideas
CAMAL’s Bold project suggests a new direction in design.

The Frame

CAMAL® used the settings, chassis and standard components derived from a BMW.
Dimensions: length 2.056 mm, width 826 mm and height of 1.160 mm (floor seat height 900 mm) makes it compact in
all views including overall footprint.

The chassis consists of a reversed fork with Ø 46 mm, three Brembo disc brakes (two frontal with Ø 320 mm and
one rear with Ø 220 mm) and to the rear a double fork forged in aluminum with hydraulic shock absorber.

BOLD has forged aluminium wheels and radial tubeless tires: Front 120/70 ZR 17 on rims with 3.5″ channel
and rear 190/55 ZR 17 on rims with 6.0″ channel. The drivetrain is chain driven.

The Engine

The BOLD concept is powered by an all-Italian heart, the 5-speed power train with motor milled
from a solid block and liquid-cooled (as well as the controller). The batteries are from TACITA Srl, a renowned
manufacturer of motorcycles and electric powertrains dedicated to the two wheeled vehicles, known and appreciated
throughout the world for their products designed and manufactured in-house.

The motor outputs 100hp with a torque of 156 N/m at 9,000 rpm, unimaginable for a standard motorcycle.
The electric motor allows acceleration from 0 to 100 km/h in 2.9 seconds. The forward positioning of the
batteries maintain the balance of the bike allowing it to remain flat through acceleration.

The Batteries

Located in the chassis in place of the usual internal combustion engine the 10.6 kWh battery pack made
from the latest generation lithium polymer (battery life: 4000 charging cycles) which combines a range of 100KM
with the speeds expected of a sports motorcycle.

As with all TACITA motorcycles the bike can be charged at home.

The integrated on board battery charger with Fast Charge CCS Combo Socket (European standard) enables the bike to
be 80% charged within just 30 minutes.

Style

The name BOLD prescribes a way of being.

The young creative team of CAMAL® have worked hard to ensure every detail of the BOLD motorcycle is
aesthetically perfect right down to the logo with its iconic graphic.

The initial concept was for a single compact volume split into two. The top half of the motorcycle, made of
polished aluminium, and no longer needing to house a fuel tank has become a slimmer more aerodynamic
volume between rider and vehicle.

The lower half treated with a textured paint in contrast to the polished aluminium of the top half encloses the
battery and motor. Two side gills break the continuity of the exterior body to provide internal cooling for the
motor.

The front volume, created entirely of plexiglass, is inspired by the aerodynamic profiles of classic
motorcycles but has a lighter feel due to its transparency. Race influenced carbon fibre airfoils sit between
this plexiglass fairing and the body of the bike and also form the platform for the bike’s indicators. The
Alcantara® seat is indicative of BOLD’s character and is perfect for the modern bike of today.

Alcantara® and CAMAL® have worked closely together to design and develop this aesthetically pleasing yet practical
solution even creating a new variant of the standard anthracite colour.

The rear incorporates another plexiglass volume which forms the bike’s truncated tail and houses the rear lighting.

In short, BOLD is a sports motorcycle which through the innovative use of new materials and technologies enables
a realisable new design philosophy more akin to a concept vehicle.

 

more images of BOLD here:   CAMAL Bold – HD Images

 

More info about CAMAL® studio on: www.camalstudio.com

Adress: CAMAL S.r.l., Via Asti 40, 10131 Torino (Italia)

Tel: +39 011 19719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

##

Il futuro è BOLD

CAMAL® presenta la sua visione di una sportiva elettrica a due ruote

10-CAMAL-Bold

Il centro stile CAMAL® S.r.l., nato nel 2008 per volontà di Alessandro Camorali, svela la propria personale interpretazione di un veicolo elettrico. Il giovane team pensa ad un futuro su due ruote dove l’avvento delle nuove tecnologie porterà ad un aumento delle interpretazioni.

Il concetto stilistico diventa anche promotore di un nuovo corso e di nuove sfide in campo di progettazione e design.

Il progetto BOLD non rappresenta solo un puro esercizio virtuale ma getta le basi per un futuro reale, attraverso una collaborazione tutta “made in Italy”. E’ infatti di TACITA il cuore pulsante pensato per spingere il concept verso le prestazioni da sportiva vera.

La firma che impreziosisce la sella è Alcantara®, un materiale di avanguardia assoluta, frutto di una tecnologia unica e proprietaria, capace di garantire alte prestazioni estetiche, tecniche e sensoriali.

Il motore elettrico e le batterie sostituiscono l’impostazione conosciuta in cento anni di motociclismo ridisegnando nuovi schemi e permettendo un’espressione rinnovata in termini stilistici. Ora le forme possono essere più snelle mentre i pesi rapportati alle prestazioni rendono difficile ogni compromesso. E’ in questo solco che con Bold la CAMAL® prova a suggerire la strada.

Il telaio

Il telaio di partenza è di derivazione BMW, da cui vengono utilizzate l’impostazione, la ciclistica e la componentistica standard. Le dimensioni: lunghezza 2.056 mm, larghezza 826 mm e altezza 1160 mm ( altezza sella da terra 900 mm) la rendono compatta in vista laterale e snella nella sua pianta. La ciclistica prevede all’avantreno una forcella a steli rovesciati da Ø 46 mm, tre freni a disco Brembo (due anteriori da Ø 320 mm e uno posteriore da Ø 220 mm) e sul posteriore un forcellone bibraccio forgiato in lega di alluminio con ammortizzatore idraulico. Monta ruote con cerchi in alluminio forgiato e pneumatici radiali tubeless: anteriore da 120/70 ZR 17 su cerchi con canale da 3,5″ e posteriore da 190/55 ZR 17 su cerchi con canale da 6,0″. La trasmissione è a catena.

Il motore

Il concept è spinto da un cuore tutto italiano, il power train ovvero il motore a 5 marce ricavato dal pieno e raffreddato a liquido (così come il controller) e le batterie provengono dalla torinese TACITA S.r.l., rinomata fabbrica di motociclette e motopropulsori elettrici dedicati alle due ruote, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per le proprie creazioni.

Il motore eroga 100 cv con una coppia di 156 N/m a 9.000 rpm, inimmaginabile per una motocicletta classica. La mancanza di inerzia del motore elettrico permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi, con partenza da ferma. Solo il buon bilanciamento dei pesi sull’anteriore (dovuto alle batterie) riesce a mantenere orizzontale la Bold quando si dà fondo all’acceleratore.

Le batterie

Il pacco batterie da 10,6 kWh ai polimeri di litio di ultima generazione (da ben 4.000 cicli di ricarica), immerso nelle carene al posto del consueto blocco motore endotermico, garantisce un’autonomia di 100 km ad una velocità da vera sportiva.
Come per tutte le motociclette Tacita, è possibile utilizzare la moto stessa come “home storage”.

Il carica batterie è integrato a bordo e con la presa Fast Charge CCS Combo (standard europeo) è possibile ricaricare la motocicletta in 30 minuti all’80%

Lo stile

BOLD non è solo un nome, ma un modo di essere. Così il team CAMAL® definisce l’immagine del progetto, scegliendo una parola inglese che in lingua italiana si traduce in audace o sfacciato, entrambi aggettivi calzanti per questa due ruote ideata per rompere gli schemi.

Lo studio del logo e del suo iconico carattere grafico sono uno dei tanti particolari su cui i giovani designer hanno speso cura e creatività al servizio del dettaglio.

Il concept iniziale si basa su un volume unico e compatto, scomposto in due parti che ne contraddistinguono diversi trattamenti e materiali. La parte superiore, in alluminio lucidato, perde la funzione di serbatoio e diventa più snella e funzionale per una fusione aerodinamica tra uomo e carena. La parte inferiore, trattata con una verniciatura ruvida, è in pieno contrasto con il volume compatto ed essenziale che racchiude il vano batterie e il motore. Due branchie laterali spezzano la continuità delle carene permettendo il raffreddamento interno.

La carena frontale totalmente in plexiglass prende ispirazione dai profili aerodinamici del passato ma grazie alla sua trasparenza ne alleggerisce l’impatto visivo. Alcuni profili aerodinamici in carbonio ispirati alle corse, su cui fanno capolino gli indicatori di direzione frontali, ne permettono il fissaggio solidale al resto del telaio.

La sella monoposto indica il carattere di Bold, mentre il rivestimento in Alcantara® la classe e il lifestyle contemporaneo. La nota azienda ha collaborato a stretto contatto con il team della CAMAL® s.r.l. per sviluppare la soluzione stilistica e tecnica più adatta fino ad arrivare alla creazione di una variante di colore antracite.

Oltre la sella vi è ancora un’appendice in plexiglass che forma il codino e l’apparato di illuminazione posteriore, rendendo visivamente tronca la coda.

In sintesi BOLD è una motocicletta stradale che strizza l’occhio al mondo naked, attraverso la ricerca estetica e l’utilizzo dei materiali si è cercato di fondere due categorie in un solo oggetto; la filosofia del concept design.

Potrete trovare altre immagini della BOLD al seguente link:

Immagini HD di CAMAL Bold

 

Potete trovare maggiori informazioni sullo studio CAMAL® su: www.camalstudio.com

Indirizzi utili: CAMAL S.r.l., Via Asti 40, 10131 Torino (Italia)

Tel: +39 011 19719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com

##

 

L’altra faccia del design automobilistico

Non solo grandi e storiche realtà, il mondo del car design italiano è fatto anche da studi più piccoli: andiamo a conoscerne uno, la CAMAL.
L’altra faccia del design automobilistico
LONTANO DAI RIFLETTORI – La professione del disegnatore è fra le più blasonate e prestigiose nell’intero panorama automobilistico. I suoi interpreti più noti diventano il volto dei modelli che realizzano, guadagnando così il successo e la venerazione degli appassionati: noi italiani sentiamo più vicina l’influenza di Nuccio Bertone o Giorgetto Giugiaro, ma altrettanto famosi sono Alec Issigonis (padre della Mini) o Harvey Earl (storica matita della General Motos). Esistono però disegnatori costretti a vivere nell’ombra, dietro le quinte, in cambio della soddisfazione di collaborare al progetto di una vettura per conto terzi: il committente è di solito una grossa casa automobilistica, che vieta espressamente di far menzione della paternità del progetto. Uno di loro è Alessandro Camorali (in piedi nella foto qui sotto), fondatore della torinese Camal, azienda che si occupa di modellazione virtuale e design.
CAMBIANO GLI STRUMENTI – Camorali è nato nel 1980, ha iniziato la propria carriera alla Bertone e dopo sette anni si è trasferito presso una grossa azienda nel settore delle automobili sportive, che non viene citata per le questioni accennate poc’anzi. Qui rimane due anni e viene promosso a consulente. Abbiamo intervistato Camorali nel suo ufficio della precollina torinese, dove lavora insieme ad altri dieci dipendenti. “Ho fondato la società nel marzo 2008 scegliendo le iniziali del mio cognome e del mio nome. Oggi do lavoro ad altre dieci persone, molte delle quali sono ragazzi nati dal 1990 in giù”. Camorali possiede il diploma di perito industriale e racconta con soddisfazione di aver iniziato la propria carriera da modellatore puro, utilizzando il tecnigrafo. “Oggi si utilizza esclusivamente il digitale e stiamo iniziando a prendere confidenza con la realtà aumentata” le sue parole. “È per questo motivo che voglio circondarmi di ragazzi giovani, dalle competenze specifiche, capaci di tenermi aggiornato sulle ultime tendenze nell’ambito della progettazione”.
TUTTO VIENE AGGIUSTATO – La Camal è un’azienda specializzata principalmente nella realizzazione di modelli virtuali per conto di case automobilistiche o della nautica. Fornisce supporto e consulenza a realtà che hanno un bisogno specifico, legato per esempio allo stile di un componente. I committenti, in estrema sintesi, si rivolgono ad aziende come la Camal per ricevere ispirazioni da far poi rielaborare al centro stile interno. “I nostri clienti ci chiedono il massimo riserbo e non concedono quasi mai carta bianca” racconta Camorali. “Per loro è fondamentale l’orgoglio, quindi apporteranno sempre delle variazioni ai progetti che gli forniamo”. Camorali cita l’esempio di un’azienda inglese produttrice di mezzi per la raccolta rifiuti. “Ci hanno chiesto di disegnare un mezzo che piacesse anche ai bambini” le sue parole. “La nostra idea è stata apprezzata ed ha raggiunto la produzione, seppur diversa rispetto ai disegni: in questo modo abbiamo perso molti dettagli e la qualità del progetto ne ha risentito”.
IL PROGETTO DELLA HYPER-SUV – Per necessità Camorali e la Camal lavorano lontano dai riflettori. L’unico vero momento di popolarità globale è sopraggiunto dopo aver mostrato i bozzetti della Ramusa (foto qui sotto), sportiva-suv dalle caratteristiche estreme realizzato sfruttando i principali organi meccanici della Bugatti EB110, coupé lanciata nel 1991 e considerata fra le automobili simbolo degli Anni 90. “Il progetto della Ramusa inizia quando veniamo contattati da un investitore italiano, che ci era stato descritto come persona seria e affidabile” ricorda Camorali. “Questa persona ci chiese il disegno di una suv basata sul telaio e sulla meccanica della EB110. Era un’impresa molto impegnativa ed ambiziosa, che abbiamo svolto con entusiasmo”. L’impresa non è facile. “Partendo da zero bastano tre giorni per definire i volumi di un’auto” spiega il fondatore della Caml. “A noi sono servite due settimane. Non è stato per niente facile, dal momento che una sportiva ha caratteristiche e vincoli totalmente diversi rispetto ad una suv”.
ANCHE IN VIDEOGIOCO – Il progetto naufraga quando l’investitore realizza che le sue previsioni di spesa erano state molto ottimistiche, facendo perdere le proprie tracce e non onorando più l’impegno (anche economico). “A quel punto ci siamo chiesti cosa fare” prosegue Camorali. “L’auto era pronta, definita, quindi abbiamo pubblicato online i disegni con il solo obiettivo di farci pubblicità”. L’idea è stata azzeccata. La Ramusa conquista l’interesse degli appassionati e si trasforma in argomento di discussione, soprattutto fra chi si domanda dove l’azienda avesse trovato la meccanica di una vettura rarissima come la EB110. “Gli accordi consistevano nel realizzare una serie di 25 unità” spiega Camorali. “Mi è stato detto che i 25 telai erano stati abbandonati dopo la chiusura dell’ex stabilimento della Bugatti a Campogalliano, nel modenese, dove la EB110 è stata costruita fra il 1991 ed il 1995”. Il nome Ramusa inizia a diffondersi fra gli appassionati e Camorali viene anche contattato da un’azienda specializzata nei videogiochi, che gli domanda il permesso di inserire l’auto all’interno di un loro titolo.
I TRUCCHI DEL MESTIERE – Camorali ed i suoi colleghi stanno curando in questi mesi anche il progetto di una vettura in esemplare unico, sulla base di una Corvette, che un collezionista statunitense ha mostrato interesse nell’acquistare. “Sono disegni molto rischiosi, perché non è raro che la persona cambi idea e ci lasci senza nulla in mano” il suo raccolto. “Allo stesso tempo vanno considerati molto redditizi, perché lo stile arriva a pesare fino al 10% del prezzo complessivo: sono cifre di rilievo per uno studio piccolo come il nostro”. Camorali ci ha poi rivelato che il peggior cliente è quello appassionato di quattro ruote, perché tende a credersi un esperto di design e a non lasciarsi consigliare. “Per questo motivo ho un trucco molto efficace” le sue parole. “In fase di capitolato ci vengono sempre richiesti più disegni. Io ho l’abitudine di farne tre: uno oggettivamente brutto, uno banale e quello che riteniamo più adatto, che poi suggeriremo al cliente”.
QUANTO COSTANO I MODELLI IN CLAY – Il perché del disegno brutto non va nemmeno spiegato. Quello banale serve invece per mettere il cliente di fronte ad una scelta. “Noi gli diciamo: ‘tu puoi avere quest’anno, ma sappi che ricorda altre vetture e non sarà del tutto originale’” ci racconta Camorali. “Il cliente finisce sempre con accettare la nostra proposta”. Questo non solo per motivi legati all’estetica, ma soprattutto perché eventuali modifiche sono molto costose ed impegnative da realizzare: un modello in clay a grandezza naturale può costare anche 80.000 euro, e gli esperti che ci lavorano devono essere pagati fino a 120 euro l’ora. Da qui la scelta di portare il cliente verso un’automobile che sia più facilmente modificabile e realizzabile. Anche da chi la produce fisicamente. “Non è raro che i nostri fornitori cambino dettagli per risparmiare o per velocizzare il loro lavoro” conclude. “Noi scegliamo il disegno migliore anche in funzione di queste variabili”.

 

Leggi Articolo su AlVolante.it

 

RAMUSA, il nuovo progetto del design centre CAMAL

CAMAL-ramusa- desert-16-9-light.jpg

Si chiama RAMUSA la nuova Hypercar realizzata dal team CAMAL, giovane ma già affermato centro stile italiano con base a Torino.

Fondato nel 2008 per volontà di Alessandro Camorali, un passato tra le file di noti brand e centri stile della storia del design automobilistico italiano, la CAMAL S.r.l. vanta un giovane team di designer e modellatori virtuali abili a rispondere ad ogni richiesta dei committenti, specializzatosi nel tempo nella realizzazione di progetti speciali e vetture uniche.

Il progetto RAMUSA nasce da un’idea di unire il piacere della guida sportiva alla possibilità di affrontare ogni sfida e terreno si possa presentare davanti, unendo lusso e comodità nonostante le proporzioni estreme dell’architettura del veicolo.

Definito Hypersuv, in realtà è difficile collocare in un segmento preciso questo concept, sollevato da terra ma allo stesso tempo sotto il metro e trenta di altezza, 2 posti e motore centrale, il primo esperimento di questo genere realizzato su un layout da sportiva pura.

Il nome RAMUSA, Lucertola in dialetto piemontese, è un tributo che Camorali ha deciso di porgere nei confronti del suo passato nelle file della Stile Bertone, dove è nato professionalmente e a cui deve gran parte della sua carriera.

“Ora che la Bertone non esiste più sembrava giusto che qualcuno portasse avanti il suo retaggio, anche nella tradizione dei nomi dati alle vetture del noto carrozziere piemontese, rigorosamente in dialetto locale” dice il titolare della CAMAL, nato e cresciuto a Susa, a pochi chilometri dalla “Stile” di Nuccio Bertone.

La RAMUSA, 4320 mm di lunghezza per 2020 mm di larghezza e 1300 mm di altezza, ha un’altezza da terra di 250 mm, passaruota irregolari da off road e tanto carbonio a vista.

Trazione posteriore e cambio a 6 rapporti il motopropulsore è un leggenda, 3.5 Litri, 60 valvole quadturbo V12, proveniente dalla famosa Bugatti EB110, da cui preleva anche il telaio monoscocca in carbonio e molte parti tecniche.

Rivisitata per motivi omologativi prevede l’innesto di un sistema ibrido che agisce sull’assale anteriore, un motore elettrico centrale che rende integrale la trazione in fase di spinta e ripartizione della potenza erogata, permettendo compensazioni in termini di emissioni e consumi e portando la potenza complessiva ad oltre 800 CV.

Considerata ancora oggi come una pietra miliare dell’ingegneria moderna la base di partenza è stata scelta su precisa richiesta del committente del progetto, intenzionato forse a dar vita ad una serie limitata nel prossimo futuro.

I contenuti stilistici sono molteplici e difficili da ridurre ad un singolo trend. Il layout interno e il passo ridotto tra le ruote permette alla vettura di rimanere compatta, permettendo alla silouette di incunearsi nel laterale e fendere l’aria in un profilo dal basso coefficiente aerodinamico. I volumi della fiancata e dei parafanghi risultano dinamici ed organici nei trattamenti ma sferzati da teorici netti che ne enfatizzano il carattere e le tensioni in corrispondenza dei punti di forza.

Il concept iniziale nasce dall’idea di intersecare una forma discoidale ad una parte più tecnica e ben piazzata a terra. Ogni sfogo di calore o presa d’aria è stata integrata in una forma estetica, unendo funzionalità a bellezza; in una parola, design. I codolini degli archi ruota in carbonio e leggermente squadrati danno al concept un’impronta aggressiva e ne suggeriscono lo scopo estremo. Nonostante l’altezza da terra il tetto della vettura si equipara in altezza a molte sportive, rendendola unica nelle proporzioni. Il frontale ed il posteriore sposano l’idea del “pieno”, l’assenza di calandra vuole caratterizzare la scelta di essere diversa, mentre le prese d’aria assumono ruolo da protagoniste. I fari anteriori così come i posteriori nascono da fenditure nella carrozzeria, non compromettendo la pulizia dei volumi e incorniciano i quattro punti cardinali dell’auto.

“La semplicità e la forza dei volumi garantiscono all’auto un’identità senza tempo” sostiene Camorali che, aiutato dai suoi designers ha potuto esplorare come si faceva un tempo, la vera essenza della realizzazione di una concept car, provocare e innovare.

Potrete trovare altre immagini della RAMUSA al seguente link:

RAMUSA – Cartella immagini

 

Maggiori informazioni sullo studio CAMAL su: www.camalstudio.com

Indirizzi utili: CAMAL S.r.l., Via Asti 40, 10131 Torino (Italia)

Tel: +39 011 19719955

email: press@camalstudio.com

info@camalstudio.com